Come restare incollati a una tetta narcisa: “Il seno”, di Philip Roth

Eppure in assoluta umiltà io dico che certa cose sono più straordinarie di altre,

e che io sono una di esse.

 

Roth, la nuova metamorfosiCaro Visitatore,

oggi ti presento un libro sui generis, Il seno, di P. Roth.

Il contatto con questo romanzo è molto particolare. Dopo aver sentito citare alcuni testi dell’autore in Ho sposato un narciso, di Umberta Telfner, in cui lo stesso Roth viene definito un gran narciso, mi è venuta voglia di leggere i suoi romanzi. Non a caso, lui ha scritto Ho sposato un comunista.,, da da pensare sul rapporto emotivo Telfner-Roth.

Ho stilato una lista di libri da comprare del buon Philip, quand’ecco che a casa ho trovato questo piccolo racconto (finito nella libreria nel traslocare i libri di mia moglie),

potevo non leggerlo? ;)

E’ un testo ai limiti del grottesco, paradossale, eppure geniale. Roth riprende quanto già narrato da Kafka, Gogol’ e Swift, scegliendo di far trasformare il protagonista, il professor Kepesh, in un grosso seno. Grazie a questa invenzione Philip Roth attraversa aspetti della mente e della società che rendono il racconto un punto di partenza per approfondimenti e discussioni.

Ogni senso viene obnubilato, tranne il tatto e l’udito, unici canale di comunicazione col mondo (in questo ricorda alla lontana la ricerca sensoriale di Calvino in Sotto il sole giaguaro), ogni movimento diviene impossibile. Kepesh/Roth può parlare e ascoltare, può provare piacere attraverso il capezzolo, residuo, neanche a dirlo, di ciò che un tempo era il pene.

Attorno a lui il padre, i medici, una devota ragazza che ogni sera lo masturba oralmente per restituirgli un po’ di calore umano e uno psicanalista con cui si aprirà presto uno scontro, nel quale Kepesh, rifiutando di essere realmente diventato un seno, affermerà di essere diventato psicotico e di credere di essere una grossa mammella e di stravolgere ogni cosa a lui detta. L’unica strada per uscire da quella situazione è perciò non accettarla e per questo si convince che tutto sia rimasto perfettamente normale e che lui stia impazzendo.

Diversamente l’autorevole dottor Klinger sosterrà che non v’è alcuna follia e che effettivamente è diventato un seno, tenuto in vita dai dottori. In mezzo il lettore, libero di scegliere a chi credere: al presunto folle o all’assurda realtà dei fatti? Così è (se vi pare), per citare Pirandello.

Lo stile di Roth è veloce, cattura il lettore nelle sue elucubrazioni mentali: perché proprio un seno femminile? Ha qualcosa di non risolto nell’infanzia? Ha letto troppo Kafka, Gogol’ e Swift? La realtà è meravigliosa, la realtà ha più stile (…) Dunque ho fatto il salto. Ho reso la parola carne. Non vede, sono più kafkiano di Kafka. (…) Dopotutto quale artista è più grande quello che immagina la trasformazione meravigliosa o quello che meravigliosamente trasforma se stesso?

Elucubrazioni che si spingono a desiderare che la devota ragazza salga sul suo capezzolo per un rapporto sessuale (Eros) e a entrare in conflitto con l’odiosa idea della morte (Thanatos), da sempre rifuggita. No, è solo che, terrorizzato dall’idea della morte fin dall’età di due anni, mi sono trincerato nel mio odio per essa, ho preso posizione e non posso fare marcia indietro (…) non voglio morire da così tanti anni che non posso certo smetterla da un giorno all’altro. 

Al centro un narcisismo che fa confondere Klinger con lo stesso Roth, che utilizza un organo femminile tanto desiderato dall’uomo per mettersi al centro della scena, come in un monologo teatrale dove tutti, proprio tutti, possono osservare una grossa mammella delirare la sua angoscia, urlare sotto i riflettori l’istinto di vita e di morte, stravolgere la coscienza di sé.

E poi mi farò le ragazze; le voglio di dodici, tredici anni, ne voglio tre, quattro, cinque per volta, nude e ridacchianti e voglio che mi lecchino il capezzolo tutte insieme, Le voglio per giornate intere, ragazzine avide e perverse, che mi leccano e mi succhiano finché m va. (…) Poi donne. Ci saranno anche donne che avranno voglia di aprire le cosce a un cazzo nuovo ed eccitante: il mio capezzolo (…) è la Terra delle Opportunità, questa è l’Età dell’Autorealizzazione, e io sono il Seno, e vivrò secondo i miei lumi!

E da buon narciso, Roth non può che incollare il lettore alle sue pagine. Consigliatissimo.

GGB

FacebookCondividi

La verità è così (se vi pare)

Io sono realmente come mi vede lei – Ma ciò non toglie, cara signora mia, che io non sia anche realmente come mi vede suo marito, mia sorella, mia nipote e la signora qua… Vi vedo affannati a cercar di sapere chi sono gli altri e le cose come sono, quasi che gli altri e le cose per se stessi fossero così o così.

 

Caro Visitatore,

mi è capitata tra le mani, ereditata da un partigiano di Roma (che non c’è più e a cui va tutto il mio affetto) una pregevole versione dell’opera teatrale Così è (se vi pare) di Luigi Pirandello, nientemeno che con il commento di Antonio Gramsci. Fu distribuita da L’Unità nel 1993.

Naturalmente, regalerò una versione dell’opera a tutti gli iscritti alla mia newsletter (basta inserire il vostro indirizzo mail nel riquadro in alto a sinistra).

Breve riassunto:

Il Signor Ponza e la moglie vivono in periferia, la signora Frola, suocera di Ponza, in un appartamento al centro. Il Signor Ponza impedisce a madre e figlia di incontrarsi; le due donne possono comunicare soltanto con bigliettini che si scambiano per mezzo di un cestino calato da una finestra.

La Signora Frola attribuisce questo comportamento all’amore ossessivo dell’uomo per la moglie, disponibile a far credere a lui di essere pazza pur di compiacerlo.

Il Signor Ponza afferma, invece, che la signora Frola è impazzita, crede che sua figlia, prima moglie del Signor Ponza, sia ancora viva e, di conseguenza, sta scambiando per sua figlia la sua seconda moglie. Questi soltanto per evitare un trauma alla suocera è costretto a impedire l’incontro tra le due donne, mostrandosi a sua volta pazzo di fronte a lei per compiacerla.

La situazione è misteriosa e ingarbugliata; tutti, nella ristretta comunità, la vogliono assolutamente dipanare, e con estrema agitazione. Vogliono soddisfare a tutti i costi quel perverso desiderio di conoscere le verità altrui.

E’ un’opera che meriterebbe una marea di riflessioni, ma mi piace riportarne una in particolare, che spero invogli alla lettura. La visione della verità, rimarcata dallo stesso Pirandello nei panni di Laudisi, forse l’unico dei personaggi che riesce a tradurre in parola i pensieri degli spettatori/lettori, a fronte di tanti personaggi affannati a cercare di scoprire la verità.

Una visione che nega l’esistenza di una verità assoluta e che la getta nel relativismo. E’ inutile cercare “la Verità”: essa non esiste, ma co-esistono in uno stesso istante esistono più verità, anche se apparentemente contraddittorie. Ciascuna è coerente in se stessa. La Verità è un volto velato (come appare la figlia sul finale), non si fa cogliere, regala a ciascuno di noi la sua visione personale (così è, se vi pare).

I due (Ponza e Frola) separatamente sembrano saggissimi, messi a confronto devono risultare in contraddizione, sebbene reciprocamente operino come se veramente uno faccia la commedia per pietà dell’altro. Chi dei due è pazzo? (…) La verità in sé non esiste, la verità non è altro che l’impressione personalissima che ciascun uomo ritrae da un certo fatto. (A. Gramsci)

A ben vedere, Pirandello riporta una questione che ancora oggi passa attraverso la visione assolutistica della Verità (vedi le posizioni della Chiesa e molti degli scritti di Benedetto XVI e di altri papi) e l’opposta visione di relativismo, molto comune tra le scienze. Amava dire Einstein: nulla è assoluto, tutto è relativo, un vecchio sarà contento di aver rotto uno specchio e di avere altri sette anni di vita, piena di guai.

Probabilmente il reale messaggio (ma esiste un reale messaggio? O è il reale messaggio personalissimo che vedo io? ;) ) che Pirandello ci consegna, tra le righe, è una derisione netta a quella tendenza tipicamente umana, a ficcare il naso tra le verità altrui, senza pensare alle proprie.

Tendenza che nell’opera teatrale, e in molti anfratti di vita reale, appare quanto mai perversa, esagerata, inconcludente. In fondo, abbiamo inventato Facebook per farci gli affari degli altri e portare al mondo social la nostra verità.

Tant’è (sempre se vi pare, eh?)

GGB