La mia recensione a “Ho sposato un Narciso”, di Umberta Telfner

Caro Visitatore,

oggi si parla tanto di narcisismo, ma hai mai avuto modo di approfondire la tematica? Hai capito chi è il Narciso, come riconoscerlo, come entrare in relazione con lui (o lei)? Ti sei mai chiesto come superare il ripiegamento sul proprio Io, tipico di questa personalità?

Ho da poco terminato la lettura di Ho sposato un narciso, manuale di sopravvivenza per donne innamorate e come sempre parto da un po’ di sinossi.

Affascina e ferisce. È sempre più intelligente della media. È sensibile, seduttivo, grandioso. Ma talvolta si mostra improvvisamente depresso e inadeguato alle circostanze. Cosa vuole il narciso dalle donne? In molti casi vuole solo essere aiutato a piacersi, piacersi, piacersi. E se un giorno fosse una donna ad avere bisogno di lui? Ecco che cominciano i guai, perché il narciso punta sempre all’assoluto, ed è tutto assorbito da imprese troppo grandi ed eroiche per ammettere dubbi o distrazioni. Questo libro, arguto e scorrevole, affronta una tematica serissima, approfondita in anni di lavoro clinico, ed è un vero e proprio manuale di sopravvivenza: perché cambiare il narciso forse è impossibile, ma riuscire a conviverci è anche una questione di scelte e di strategie.

A questa sinossi reputo doveroso aggiungere qualche cenno alla biografia dell’autrice.

Psicologa clinica, ha una formazione sistemica e cognitivista; è didatta del Centro milanese di Terapia della Famiglia. Si dichiara costruttivista convinta e si è sempre occupata degli aspetti epistemologici nel rapporto tra teoria e prassi e nell’operatività clinica, con particolare attenzione alle operazioni per costruire la salute. E’ coinvolta nell’insegnamento della psicologia della salute dal 1992. Ha scritto tra gli altri alcuni libri di cui è fiera (Ammalarsi di psicoterapia –Franco Angeli 1995, Sistemica, voci e percorsi nella complessità- Bollati Boringhieri 2003, Ho sposato un narciso –Castelvecchi 2006) oltre ad articoli e recensioni. Alcuni temi privilegiati la vedono molto interessata: l’operatività con i migranti, gli interventi clinici nei disturbi di personalità, l’organizzazione socio-sanitaria per una buona pratica, le questioni etiche nella prassi clinica,…. 
Si occupa di clinica e di organizzazione. Ha un figlio e tre cani ed ama le passeggiate all’aria aperta. 

Il primo pregio di questo “manuale di sopravvivenza” è nel suo stile lineare, semplice e diretto, che lo trasforma in un piccolo saggio divulgativo, adatto a tutti. C’è la ripresa del mito di Narciso, una dichiarazione dell’autrice di una vera e propria passione per questa personalità, ci sono le strategie relazionali, utili per tutti i rapporti d’amore, e non solo per quelli che vedono la presenza di un Narciso, ci sono i casi incontrati dall’autrice, nella vita professionale o quotidiana, c’è una divertente disamina del narcisismo nella società, nella letteratura, nel cinema (mi sono fatto una bella cultura, segnandomi qualche titolo interessante).

A dispetto del titolo, posso dire che nonostante un buon ottanta per cento del testo sia incentrato sul maschio narciso, un restante venti per cento è dedicato alla Narcisa.

Il focus è sul singolo, sulla coppia, sulla società. I piani trattati sono quello sociale e psicologico. C’è una particolare attenzione alla relazione, con un vero e proprio elenco di strategie per superare lo sguardo seduttivo del Narciso e la sua tendenza a utilizzare l’altro come specchio per rimirarsi.

Non è mio compito descrivere qui il narcisismo, sebbene il mio interesse per il tema sia ben noto (cfr. i miei post sul Casanova di Schnitzler o ancora sulla Woolf o sulla figura maschile nella letteratura). Il rischio di un riassunto del testo porterebbe a un vago e incompleto Bignami del manuale.

Mio compito è portarti una visione utilitaristica del testo. Con esso potrai riconoscere un Narciso quando lo incontri, capire il suo mondo interiore, comprendere come entrare in una relazione produttiva e soddisfacente, senza lasciarti sedurre o dominare. Capirai le varie sfumature del Narciso, comprendendo i suoi lati depressivi e delusivi e quelli esaltanti. Comprenderai il suo bisogno dell’altro, ma pure la sua stessa fuga da questo bisogno. Se sei una persona in relazione amicale o amorosa con una personalità narcisistica, capirai come sopravvivere a questa relazione. Se sei uno psicologo, troverai tanti spunti per approfondimenti. (Io ho riempito le note del cellulare di appunti).

Vari sono gli sguardi con cui Umberta ci permette di analizzare il Narciso: uno sguardo sociale, uno sguardo esterno e uno sguardo interno ad esso. Una visione a trecentosessanta gradi, che tradisce un’esperienza sistemica dell’autrice, che porta il lettore ad avere uno sguardo ampio e completo sull’argomento, senza trascurare nulla.

Consigliata la lettura? No, consigliatissima, e puoi trovarlo anche in e-book a 4 euro ;)

GGB

FacebookCondividi

Un pensiero su “La mia recensione a “Ho sposato un Narciso”, di Umberta Telfner

  1. Pingback: Come restare incollati a una tetta narcisa: “Il seno”, di Philip Roth | Il sito di Giovanni Garufi Bozza

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>