Buon cammino all’Amore che Viola

Caro Visitatore,

EDU - L'Amore che Viola, Giovanni Garufi Bozza - Fronte HD (1)Il percorso del mio romanzo L’Amore che Viola inizia in un piccolo paese dell’Abruzzo, che ha aderito alla campagna Una targa per la vita, con l’esposizione di una targa in memoria di tutte le donne morte per nano violenta di chi diceva di amarle.

Sabato 11 agosto, ore 17, presso il Teatro Giuliani, del Comune di Castel del Monte, ha debuttato L’Amore Che Viola, il mio ultimo romanzo. Con grande emozione l’ho presentato, riferendo come sia il frutto delle tante riflessioni che negli ultimi due anni ho portato e appreso, nel lungo percorso di esposizione delle Targhe per la Vita.

Era bello presentare Alina. Si andava sul sicuro. Il romanzo aveva avuto tante recensioni positive.

Diverso è presentare un romanzo appena uscito, che parla di violenza, ma che si focalizza soprattutto sull’ambivalenza del genere umano, che dondola tra l’Eros, a tratti sfrenato (avrò forse esagerato in alcune pagine del romanzo?) e il Thanatos violento, tra l’ambiguità del narcisista (piacerà o non piacerà come personaggio?) e la fragilità della protagonista (la tollererà il lettore?)

39387589_2157491494262248_8898334405156667392_n (1)Tante domande si annidavano nella mia mente, mentre scrivevo dediche e firmavo copie. Ma con fiducia ho lanciato Viola, certo che farà la sua strada.

Perché in fondo, parla di noi, dei nostri tratti più profondi, delle nostre fragilità, del nostro essere violenti, passionali, emotivi.

Del nostro essere umani.

Dunque, buon viaggio, Viola.

 GGB

Se l’articolo ti è piaciuto, regala un like ai miei romanzi:


Create your own banner at mybannermaker.com!

Create your own banner at mybannermaker.com!

FacebookCondividi

La mia radiointervista a Sonia Serravalli, autrice di “Palo quattro, l’amore abusivo”

Palo quattro (l'amore abusivo)Caro Visitatore,

in questo San Valentino parliamo di amore, ma di un amore abusivo, un amore che fa soffrire, che annulla la dignità stessa della donna. Ospite di oggi è Sonia Serravalli, autrice di Palo quattro (l’amore abusivo) romanzo in gran parte autobiografico. Sonia è già stata ospite di Crisalide con un romanzo di tutt’altro genere, umoristico, Chiedete alla reception.

Parleremo di violenza di genere, di come nasce, di come se ne esce, in un San Valentino diverso, che faccia riflettere.

Peter, giornalista tedesco, arriva nella vita di Mariangela con un’impresa folle in testa: aprire la prima radio libera in Marocco. Mariangela è rimasta vedova da poco, il suo lavoro presso un editore new age è in crisi e sta pianificando di lasciare l’Italia. Così, accetta di lavorare per Peter, conquistata dal suo entusiasmo e dalla sua magnetica premura. Tra i due si intensificano gli scambi intellettuali ed esoterici. La new age è stata la carriera di Mari, e Peter è alla costante ricerca di nuovi guru. Il loro rapporto si basa da subito su telepatie spaventose. Unendo le loro conoscenze esoteriche, paiono possibili perfino i miracoli…

Musiche di Sergio di Giangregorio.

Buon ascolto, con la diciassettesima puntata di Crisalide.

GGB