Gli Psicologi di Base: ecco come lo Stato guadagna 70000 euro per Medico di Base.

Nota di avvertenza per i politici e per il personale sanitario: leggendo l’articolo potrete guadagnare fino a 70.000 euro a persona.

 

Facciamo un gioco: provate a scrivere delle parole chiave su un qualunque motore di ricerca (es. psicologo di base, proposta, legge). Avrete sicuramente trovato decine di proposte di legge regionali e nazionali, petizioni a favore e petizioni contrarie all’istituzione della professionalità dello psicologo di base.

 Troverete chi urla che non si può psicoterapizzare l’intera popolazione (e Dio ci scampi e liberi da questa idea e da chi la propone!), chi prevede che le persone si rivolgeranno comunque al medico di base e non allo psicologo, e ancora chi penserà che i costi per pagare centinaia di psicologi siano troppo alti per una spesa sanitaria già ridotta all’osso. Viceversa troverete anche molti argomenti a favore della proposta.

Con un’analisi più dettagliata, vi renderete infine conto delle serie lacune che sono insite negli argomenti pro e contro, in particolare delle fantasie su dove potrebbe essere collocato (è nota a Roma la sperimentazione dello psicologo in farmacia: scusi, mi dà uno psicologo che oggi ho una leggera ansia? Sì, signora, lo prende tutto o a piccole dosi?), delle persone che potrebbero accedervi (con i vari distinguo paradossali su chi possa essere ritenuto sano e chi malato), sui suoi rapporti con gli psicologi specialisti (quando ti ho detto di farti vedere, non intendevo da me, ma da uno bravo).

–> Continua a leggere il mio articolo su patrioti.org

FacebookCondividi

La mia radiointervista a Sonia Serravalli, autrice di “Chiedete alla reception”

chiedete-alla-reception-di-sonia-serravalli-L-UNMsNHCaro Visitatore,

quindicesima puntata di Crisalide e ultima dell’anno solare 2013. Già, perché poi mi concederò un po’ di vacanza anche io, per arrivare al 2014 con nuove puntate e nuovi autori.

E si conclude l’anno ridendo, grazie all’intervista a Sonia Serravalli, autrice di Chiedete alla reception, testo umoristico che avevo già avuto modo di recensire, ricordi?

Non poteva mancare l’intervista a Sonia, registrata addirittura in collegamento con l’Egitto, Paese dove l’autrice vive e lavora.

Presenteremo questo testo, che mi ha fatto sbellicare dalle risate (lo si nota anche nell’intervista, quando provo a leggere dei passi tra una risata e l’altra).

Ma non solo, presenteremo anche le altre pubblicazioni di Sonia, capace di cimentarsi tra generi diversi, tra cui l’erotico. Io ho già scelto il mio regalo di Natale: Se baci la rivoluzione. E non è da perdere il suo blog, rivoluzionando, dedicato alla rivoluzione egiziana dei mesi scorsi.

Passo all’intervista, segnalando un’ultima particolarità: è la prima volta che intervisto un’autrice che si definisce in primis scrittrice. Tutto ciò che Sonia fa nella vita viene ricondotto alla scrittura, considerato il suo primo mestiere. Lavoro per scrivere, dirà Sonia nell’intervista. E tra tanti autori che considerano timidamente la scrittura come passatempo… Chapeau! ;)

Buon ascolto dell’intervista, che puoi vedere anche sul sito di Radiovortice.it, e buone feste!

GGB

 

 

Portiamo la rivoluzione alla Fiera del Libro di Roma!

NBA_fronteCaro Visitatore,

Di seguito un comunicato che sta girando per i canali di informazione vari on line e cartacei, di livello locale o nazionale.

Ho l’onore di far parte di un gruppo di 23 narratori, poeti, saggisti, redattori, traduttori e promotori editoriali che avranno uno stand proprio alla fiera della piccola e media editoria di Roma. Una piccola rivoluzione, per un grande cambiamento.

Mi troverai assieme a loro allo stand A24.

Di seguito maggiori informazioni, qui a destra il programma :)

 

SELF-PUBLISHER E AUTORI INDIPENDENTI

ALLA FIERA DELL’EDITORIA

Più libri, più liberi – Fiera nazionale della piccola e media editoria

Palazzo dei Congressi dell’EUR, piazzale Kennedy, 1, Roma – 5-8 dicembre 2013

STAND A 24 – FUIS

 

Per la PRIMA VOLTA in Italia, un gruppo di autori che si autopubblicano o autopromuovono e di professionisti del settore si presenta DA SOLO, senza case editrici alle spalle a PIÙ LIBRI, PIÙ LIBERI, fiera nazionale della piccola e media editoria (Roma, Palazzo dei Congressi, dal 5 all’8 dicembre 2013).

Obiettivo: offrire, da indipendenti, un libro di qualità al lettore.

Un’arte concentrata sui contenuti e sull’autonomia. Questo vuole indicare l’acronimo NBA- No Brand Art scelto da 23 narratori, poeti, saggisti, redattori, traduttori e promotori editoriali che – sulle orme di colleghi di altri Paesi – parteciperanno alla XII edizione di “Più libri, più liberi”, fiera nazionale della piccola e media editoria. L’intento è quello di incontrare i lettori e portare la propria esperienza di self-publishing e, per chi pubblica con casa editrice, di autopromozione in un contesto professionale.

NBA_retroIl self-publishing permette di accedere alla pubblicazione gestendone direttamente tutte le fasi con l’ausilio di professionisti e di integrare con la propria attività di promozione quella offerta dall’editoria tradizionale. A questo si aggiunga l’opportunità di accedere, attraverso la traduzione, a mercati potenzialmente sconfinati grazie ai canali di vendita online.

Gli autori presenti allo stand non sono contro o a favore rispetto ai vari metodi di pubblicazione e divulgazione. Operano le loro scelte nell’interesse dei lettori e, da imprenditori di se stessi, stanno imparando a fare bei libri, ben scritti, bene editati e impaginati, con copertine di qualità paragonabile a quelle delle case editrici avvalendosi di professionisti seri, quali redattori, traduttori e grafici, per stabilire un patto di fiducia con il lettore.

B.C. Craven, nel Giuramento del narratore contento, scrive: “Penserò al mondo che vuole rappresentarsi tramite me, e penserò al lettore che deve godere della rappresentazione.”

Attraverso autopubblicazione e autopromozione gli autori sperimentano inoltre nuovi modi di fare editoria e nuovi generi e formati (libri interattivi, e-book). Attraverso molteplici canali portano il libro al lettore e dialogano direttamente con lui. I lettori in cerca di nuovi talenti da scoprire troveranno, nelle opere degli autori indipendenti di qualità, un ricco bacino di libri originali, facilmente reperibili e dei generi più vari. Di questo e delle problematiche dell’autopubblicazione si parlerà nel corso della conferenza “Gli autori indipendenti, il self-publishing e le nuove frontiere dell’editoria” che si terrà allo stand A24 sabato 7 dicembre alle ore 16 in collaborazione con FUIS.

Per contatti e informazioni:

Cetta De Luca, sedcetta@gmail.com

Serena Zonca, serena.zonca@tiscali.it

Giovanni Garufi Bozza giovanni.garufibozza@gmail.com