Anche a Collarmele ora c’è Una targa per la vita.

Caro Visitatore,

il 6 marzo, seguendo la campagna Una targa per la vita sono approdato con Alina a Collarmele (AQ).

Un paesino delizioso, soprattutto per la gente che ho incontrato. Era palpabile l’emozione della giunta comunale per questo evento, straordinariamente organizzato.

Io ero tra i relatori, assieme ad Annamaria Bacchetta, delle democratiche della provincia de L’Aquila, straordinaria promotrice della campagna, Roberta D’Avolio, sostituito procuratore del tribunale de L’Aquila e il sindaco Tonino Mostacci.

Interventi di livello, per la pretesa di un cambio culturale che coinvolga uomini e donne. Basta femminicidi, basta violenza fintamente definita come generata dall’amore, basta donne costrette a vendere il loro corpo.

E in questo cambio culturale occorre coinvolgere ogni istituzione, dai comuni alle regioni. Dunque continueremo , coinvolgendo ogni realtà possibile, e invitiamo ogni realtà a coivolgersi.

Un grazie speciale va ai cittadini di Collarmele, per la numerosa partecipazione, per le tante scarpe rosse portate, per l’orgoglio con cui hanno esposto questa targa nel loro comune.

A tutti loro, grazie.

 GGB

Se l’articolo ti è piaciuto, regala un like ai miei romanzi:

Create your own banner at mybannermaker.com!

Create your own banner at mybannermaker.com!

FacebookCondividi

La mia recensione di “Ti amo anima mia. Una storia di violenza”, di Najaa

Ti amo anima mia, Najaa - www.ilcorrieredelledonne.netCaro Visitatore,

è uscita una mia nuova recensione sul sito dell’associazione Libero Libri Macherio.

Il libro che oggi presento è Ti amo anima mia. Una storia di violenza, di Najaa

Quello che ti presento oggi è Ti amo anima mia. Una storia di violenza, romanzo testimonianza di Najaa. Il tema centrale è la violenza di genere, che Najaa ha subito da colui che ha scambiato l’amore per sottomissione.
Ho conosciuto l’autrice un pomeriggio invernale, alla stazione Termini. Avevo appena letto e commentato un suo scritto e già parlavamo di Ti amo anima mia, della difficoltà a promuoverlo, giacché scritto sotto pseudonimo, per la paura che lui potesse scoprirlo, e tornasse a perseguitarla.

Continua a leggere la recensione qui–>.