La mia recensione a “Stabili equilibri precari”

product_thumbnailCaro Visitatore,

Oggi ti presento una silloge poetica di Francesco Montalto, intitolata Stabili Equilibri precari.

Sono poesie scritte tra il 2008 e il 2011.

Sono componimenti dove il mentale ha priorità sulle emozioni. Francesco Montalto cita spesso la distanza tra le menti, la chiusura ottusa del pensiero. L’emozione dominante è la melanconia, il luogo prevalentemente citato è un fumoso bar dove annegare i dispiaceri, in un cinereo pessimismo.

Appare la sensazione di un tempo sfuggevole e decadente che vola sull’inutilità delle giornate e delle nottate. Il sogno è preferibile alla realtà e predomina l’ambiguità: Francesco Montalto cita un pensiero e il suo esatto opposto, poche righe dopo, in un’antitesi continua, come già dimostra il titolo: equilibri stabili ma precari. Vista e udito, infine, appaiono come sensazioni dominanti.

Ho qualche perplessità  sulla forma delle poesie. Non mi è piaciuta la scelta di  rinunciare totalmente alla punteggiatura, e non ho compreso che scelte stilistiche ha adottato Francesco Montalto nei suoi componimenti, dato che cambiano spesso, a tal punto da sembrare del tutto arbitrarie.

I testi appaiono così più brani adatti a delle canzoni più che poesie, pur mancando di quel suono melodico che solo un bravo compositore di parole e periodi può creare, e pur mancando di metafore.

I componimenti più apprezzati? Schiavi di convenzioni, Surreale oscurità e Come una spia. Ed è davvero notevole la copertina, che ha stuzzicato il giusto interesse per il contenuto del testo.

Sul resto, credo ci sia ancora molto da lavorare, ma segnalerò a Francesco persone che di poesia ne sanno molto più di me, e che possono aiutarlo a trovare le risorse del suo stile e a migliorarsi.

GGB

FacebookCondividi

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>