La mia radiointervista a Manuel Pomaro, autore de “Il sentiero che conduce a casa”

Manuel Pomaro

Caro Visitatore,

oggi ho intervistato per te Manuel Pomaro, autore di ben tre romanzi.

Manuel ci ha parlato del suo secondo libro, Il sentiero che conduce a casa, un romanzo sentimentale che ha segnato un deciso cambio di stile per lui, dopo l’esordio con il fantascientifico Ieri irreale.

Manuel ci ha parlato di sé e della sua visione dell’amore, che può essere riassunto nella sinossi de Il sentiero che conduce a casa, che contiene, a mio avviso, una delle più belle dichiarazioni d’amore mai scritte:

Anche quella sera… mise una mano in tasca e sentì che la lettera che lei gli aveva scritto prima di morire era ancora lì al sicuro. La estrasse ancora una volta: ormai era un po’ rovinata, ma con la calligrafia ancora leggibile: “Non essere triste per me, ho avuto dalla vita più di quanto avessi sperato. E poi tu mi hai anche fatto conoscere l’amore e per questo ti sarò sempre grata. Vivi e sii felice, sorridi perché il tuo sorriso possa darmi la gioia ovunque io sia, ama perché qualche altra persona abbia la fortuna che ho avuto io e ricorda sempre: gioisci per i bei momenti e impara da quelli brutti. Per sempre tua”.  

Un ultimo accenno Manuel lo ha dedicato alla sua ultima pubblicazione, Il giorno che andrà tutto bene.

Ed eccoti la tredicesima puntata di Crisalide e il link per vedere lo splendido video che la redazione di Radiovortice.it ha creato per lui, sulla pagina della puntata.

Buon ascolto e buona visione!

GGB

FacebookCondividi

Un pensiero su “La mia radiointervista a Manuel Pomaro, autore de “Il sentiero che conduce a casa”

  1. Pingback: La mia radiointervista a Manuel Pomaro, autore de “L’incrocio dei lunghi attimi” | Il sito di Giovanni Garufi Bozza

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>